aree_condnap
area_coopdomus
aree_napoleon

Protetto: Grazie per la vostra partecipazione

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Dal vostro amministratore

Gentili condomini, nell’ultimo periodo, molti di voi, si sono rivolti a me preoccupati, dopo aver ricevuto una serie di comunicazioni, fatte girare da un gruppo di condomini, nelle quali si […]

Gentili Condomini e Soci,
forse è la prima volta che l’intero Consiglio di Amministrazione della Cooperativa Domus Procchio, insieme al suo Presidente, si rivolgono e contattano per iscritto tutti i Sig.ri Proprietari del Residence Napoleon.
La prossimità delle Feste Pasquali può far pensare ad un messaggio di Auguri che in ogni caso vi facciamo sentitamente soprattutto in questo momento.
Purtroppo sentiamo il dovere di informarvi che da un lungo periodo la Comunità del Residence è oggetto di sistematici attacchi di misinformazione aventi come obiettivo (non dichiarato ma evidente) di screditare tutti coloro che, a vario titolo, fanno parte dell’attuale Amministrazione e dei vari Istituti di rappresentanza e Controllo della Gestione del nostro Residence.
Si tratta di un gruppuscolo di dissidenti e pseudo critici il cui grido è “cambiamo tutto perché non funziona niente e quel poco che funziona, funziona male!”.
Se fate attenzione ai loro nomi, questi “pseudo-innovatori”, che si presentano come il nuovo che avanza, sono in maggioranza persone (e tra questi ci sono pure dei soggetti che avevano assommato forti morosità) che a partire dal 2002 hanno fatto parte di organi o istituzioni di controllo del nostro Residence, e con quali risultati?
Va da sé che l’avvicendamento dei Rappresentanti nel Management della proprietà è cosa normale e ciò avviene anche nel Residence Napoleon in quanto gli attuali rappresentanti sono stati eletti secondo i regolamenti e la legge. Ciò avviene anche e soprattutto nelle Assemblee a cui tutti gli aventi diritto sono invitati e possono democraticamente esprimersi.
La trasparenza è un principio irrinunciabile e lo possiamo dimostrare.
Le “congiure” nella penombra di certi aspiranti super managers miranti alla conquista del Residence come se fosse un galeone pieno d’oro non tranquillizzano nessuno, anzi danno luogo a profonde riflessioni anche da parte di coloro che non sono direttamente coinvolti.
Il gruppo dei contestatari, autonominatosi “Comitato (di salvezza pubblica ?!)”, da quasi un anno ha iniziato a inviare comunicazioni scritte alla Coop e a molti Condomini lamentando il mal funzionamento della gestione del Residence e in particolare:
– i costi di gestione;
– l’arredamento obsoleto;
– la mancanza di servizi, ad esempio un supermarket, un centro benessere, e cose del genere;
– la mancanza di democrazia;
– l’impossibilità di accedere ai dati personali dei Proprietari (viva la tutela della privacy in tempi in cui – tra l’altro – sono state emanate norme più stringenti con riferimento anche allo stalking!!!);
– la mancanza in generale di prospettive rosee per il futuro del Residence.

Ebbene, gentili Condomini, questo gruppo non ha lesinato mezzi pur di rastrellare consensi e deleghe sottolineando, nelle loro comunicazioni (mail, Pec, citazioni in giudizio, etc.), la cattiva se non pessima gestione con abbondanti getti di fango nonostante i giustificativi di spesa siano stati resi disponibili a tutti ed i bilanci siano stati certificati e controllati a vari livelli.
Tutta questa serie di accuse, insinuazioni, dati falsi e proclami sono soprattutto indicati e concentrati in una lettera del 4 marzo 2021 che è stata inviata ad alcuni soci e proprietari del Residence. La suddetta lettera, presentata come progetto di rivalutazione e valorizzazione del Residence, contiene di fatto una serie di falsità e accuse verso tutti coloro che onestamente e duramente hanno lavorato e continuano a farlo per il bene del nostro Napoleon. L’ultima bufala nella suindicata lettera è la promessa di ridurre, qualora avessero la gestione del Condominio, del 20% le spese di bilancio già nel primo anno. Chissà che regalo ci sarà nel secondo
anno!
Fantastico! Neanche Vanna Marchi avrebbe osato tanto!
Ai Condomini che hanno un po’ di memoria della storia del nostro Condominio, questa proposta fa venire in mente un Amministratore del passato, il quale, per abbassare i costi e quindi le quote condominiali, non eseguiva i lavori strettamente necessari, non effettuava azioni per il recupero crediti, lasciando così alla presente Amministrazione morosità per Euro 380.000 (esatto!!) e lavori
straordinari urgenti per centinaia di migliaia di Euro (un esempio sono gli ingenti lavori strutturali volti al ripristino di pilastri, solai e travi portanti – si vedano al riguardo foto e documentazione allegata
ai bilanci degli anni precedenti e visibili sul sito del Napoleon), nonché tasse non pagate e condoni in sospeso (di cui i Consiglieri della Coop hanno prestato garanzie patrimoniali personali a fronte delle necessarie coperture bancarie e assicurative).
Non c’è bisogno di aggiungere altro.
Per tutto il contesto che abbiamo cercato di portare sinteticamente alla vostra attenzione, abbiamo deciso di difendere il prestigio del nostro Residence, il lavoro e l’impegno straordinario nostro e di tutti coloro che in questi anni ci hanno sostenuto e che continuano a sostenerci, valutando di agire nelle sedi opportune, per il tramite del nostro legale incaricato, nei confronti di tutti coloro che hanno firmato comunicazioni con false accuse e elementi di discredito nei confronti dei membri dell’attuale Consiglio di Cooperativa, oltre che di Condominio del Residence Napoleon.
Con questa azione legale che andremo ad avviare cerchiamo, inoltre, di difendere e tutelare gli interessi di tuta la comunità da futuri contatti miranti a plagiare coloro che non sono al corrente di queste azioni da bassa campagna elettorale.

Il Presidente della Cooperativa Domus Procchio
Mauro BERNARDI

I Consiglieri di Amministrazione della Cooperativa
Giorgio GUERRIERO
Claudio NIGRI
Luca PAUSELLI
Giuseppe SANTORO

GENTILI SOCI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA COOPERATIVA DOMUS PROCCHIO, segnala che il 16 aprile 2021 si svolgerà la consueta Assemblea ordinaria annuale della Cooperativa.

La sede prescelta è l’isola D’Elba, località Capoliveri, presso il Teatro Flamingo (come da specifica convocazione inviata a mezzo raccomandata).

Il luogo individuato per tale Assemblea ha seguito i criteri e le valutazioni già adottati relativamente alla convocazione dell’Assemblea condominiale del Napoleon, indetta per il medesimo giorno, vale a dire:

-costi di sala e servizi accessori decisamente contenuti, che impatterebbero in maniera non eccessivamente gravosa nel caso in cui ci trovassimo nella spiacevole condizione di dover revocare tale riunione per il sopraggiungere di un eventuale lockdown nazionale per via dell’emergenza epidemiologica;

– capienza e fruibilità dei servizi in sicurezza offerti dalla Sala della riunione prescelta, tenuto conto dell’afflusso medio degli aderenti alle precedenti Assemblee, tanto di Coop quanto di Condominio, che, negli ultimi anni, non ha superato i 50/60 partecipanti (al netto dell’utilizzo dello strumento della delega da parte dei soci);

-la gestione in totale sicurezza dell’evento, sia grazie all’ausilio delle locali Forze dell’ordine (già opportunamente e preventivamente allertate in merito alle modalità di gestione dell’evento, dell’afflusso dei partecipanti e delle norme di sicurezza adottate) che dei servizi offerti, in via esclusiva, dalla Cooperativa “Caput” di Capoliveri;

-l’adozione di misure stringenti preventive quali la misurazione della temperatura corporea all’ingresso in Sala, la compilazione di apposita autorcertificazione -per i partecipanti- sullo stato di salute da sintomi da Covid, la possibilità di esibire un tampone certificato (di cui si consiglia comunque l’effettuazione), l’esibizione di attestazione di avvenuta vaccinazione (per chi ne ha potuto usufruire), la presenza in Sala di addetti alla Security per vigilare sul rispetto delle misure di distanziamento sociale e corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale;

-il servizio di collegamento che verrà assicurato con “navette” tra la sede dell’Assemblea e il Porto di Portoferraio, per agevolare la partecipazione dei soci;

-il transito e lo spostamento tra regioni che è consentito per motivi lavorativi (come lo svolgimento delle varie attività societarie, associative, sindacali, condominiali e assembleari deliberative);

Nell’organizzare tale Assemblea, l’Organo ha esaminato scrupolosamente i copiosi indirizzi e le molte interpretazioni che emergono dai vari decreti emananti in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica, soprattutto se rapportati al mondo assembleare societario, che risultano essere estremamente fluidi e sovente caratterizzati da contorni incerti. Numerose deroghe sono state, normativamente consentite, anche andando in senso diametralmente opposto rispetto a quanto previsto dalle norme statutarie, in materia di votazione; convocazione e modalità di svolgimento delle varie assemblee societarie. Tutte casistiche che diventano ancora più complesse e peculiari allorquando si affronta il tema del rinnovo delle cariche societarie a scadenza, quale è il nostro caso.

In tale ambito le prassi e le procedure adottate in situazioni analoghe, hanno dovuto tener conto dei seguenti parametri valutativi con riferimento al tema dello svolgimento di assemblee per rinnovo cariche societarie ai tempi del Coronavirus:

A) Realtà societarie o associative che abbiano la possibilità, i mezzi e la competenza per riunire organi sociali (Assemblea ordinaria e straordinaria compresa) in forma telematica, nel rispetto di criteri di trasparenza e tracciabilità previamente fissati e con sistemi certificati che consentano lo svolgimento delle procedure di votazione elettronica, oltre che l’identificare con certezza i partecipanti;

B) Realtà societarie o associative che NON abbiano la possibilità, i mezzi e la piena competenza per riunire l’Assemblea in forma telematica e con le dotazioni informatiche e di certificazione elettronica richieste per sostenere procedure di votazione telematica;

C) Realtà societarie o associative che, non essendo più vietate le riunioni in presenza, sono nelle condizioni di organizzare un’Assemblea dove sia garantita la distanza interpersonale di un metro oltre a tutte le misure di contenimento del contagio legate all’utilizzo delle mascherine, alla pulizia e sanificazione dei locali ed alla corretta pulizia delle mani nonché al necessario smaltimento dei dispositivi di protezione individuale.

In sostanza, quindi, le realtà societarie o associative che devono procedere all’elezione degli organi elettivi potranno optare per organizzare l’Assemblea:

-in compresenza, non essendo più vietate le riunioni, a condizione che vengano rispettate le norme legate al contenimento del contagio, tenendo anche conto che è comunque consentito il transito e lo spostamento tra regioni per motivi lavorativi (e la casistica ricomprende anche le attività associative, societarie, sindacali, condominiali e assembleari deliberative);

-con modalità telematica, qualora dotate di adeguati strumenti certificati informatici, atti a gestire in sicurezza, tracciabilità e trasparenza le varie fasi più volte evidenziate.

Tutto ciò premesso – il Consiglio di Amministrazione –  avendo fatto profonde valutazioni, anche sulla base dei concreti precedenti afferenti alla realtà della nostra Cooperativa, del numero medio dei partecipanti alle Assemblee negli ultimi anni e del grado di utilizzo e rappresentanza a mezzo delega, ha stabilito di svolgere tale momento assembleare in presenza, tenendo conto anche delle oggettive limitazioni tecniche per le quali la Cooperativa non ha una dotazione tecnica tale da rientrare pienamente nei parametri di cui al punto A) trovandosi, invece, nelle condizioni per operare più agevolmente secondo le ipotesi di cui ai punti B) e C) sopra-evidenziati.

Per facilitare tutte queste operazioni, si suggerisce quindi di far utilizzo dello strumento della delega affinché le stesse siano concentrate in capo ad un numero determinato di soci, così come evidenziato anche da varie mail circolate spontaneamente tra gli stessi soci in questi mesi.

In tale contesto SI RACCOMANDA DI CONSULTARE IL SITO DEL NAPOLEON PER PRENDERE VISIONE DI TUTTE LE COMUNICAZIONI CHE SARANNO TEMPESTIVAMENTE PUBBLICATE VOLTE A FORNIRE GLI OPPORTUNI AGGIORNAMENTI IN MERITO.

Tutto ciò rappresentato e chiarito si vuole precisare che ogni possibile osservazione o questione sollevata per segnalare motivi ostativi in merito all’opportunità di svolgere tale assemblea nelle modalità esplicitate è, allo stato dei fatti, destituita di ogni fondamento anche alla luce delle comunicazioni istituzionali che l’Organo ha opportunamente e adeguatamente fornito alle Forze dell’Ordine relativamente all’evento così come programmato.


LETTERA APERTA AI SOCI E CONDOMINI

Dalla Cooperativa

GENTILI SOCI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA COOPERATIVA DOMUS PROCCHIO, segnala che prossimamente si svolgerà la consueta Assemblea ordinaria annuale della Cooperativa.
A tal riguardo, giova ricordare che potranno prendere parte all’Assemblea ordinaria ed esercitare il proprio diritto di voto in qualità di soci, esclusivamente coloro che risultano essere regolarmente iscritti sul libro dei soci alla data del 31 dicembre 2020.
Questa precisazione si rende necessaria in quanto negli ultimi anni, tenendo conto delle varie compravendite relative alle unità immobiliari presso il Residence Napoleon, oltre che ai fisiologici passaggi ereditari a causa del decesso di vari proprietari/soci, potrebbero risultare dei disallineamenti tra lo status di socio Coop rispetto a quello di proprietario di immobile all’interno del Residence. Infatti, si deve specificare in questa sede che l’acquisizione di una proprietà immobiliare ubicata presso il Napoleon, anche se ciò avvenuto per via ereditaria, non comporta il sorgere automatico dello status di socio della Cooperativa Domus Procchio, per il quale deve essere seguita apposita procedura così come prescritto dallo Statuto e di cui riportiamo qui di seguito -in estratto- i relativi passaggi:

art. 4 – Chi desidera diventare socio deve presentare domanda al Consiglio di Amministrazione, specificando: a) cognome, nome, luogo e data di nascita, domicilio e cittadinanza, b) quota di proprietà del Residence Napoleon e titolarità della medesima, oppure richiesta di assegnazione di quote di proprietà […]; l’ammontare della quota o quote che si propone di sottoscrivere. Sull’accoglimento della domanda decide il Consiglio di Amministrazione;
Art. 8 – Nel caso di decesso di un socio la società continuerà con gli eredi o legatari della di cui quota sociale purché essi abbiano i requisiti del l’ammissione (vedi art. 4 ndr). Entro un anno dalla data del decesso, gli eredi o i legatari delle quote di proprietà dovranno indicare alla Cooperativa i titoli che li abilitano alla qualità di socio e quello di loro che li rappresenterà di fronte alla società […];
art. 16 – Nelle Assemblee hanno diritto di voto coloro che risultano iscritti nel libro soci da almeno tre mesi e che non siano in mora nei versamenti della quota dovuta.

Si evidenzia, infine, che a ogni socio iscritto sul libro societario corrisponde specifico numero di iscrizione matricolare. Nel caso in cui risultasse lo stesso numero di iscrizione in capo a più soggetti (per via della co-intestazione delle relative quote societarie), il diritto di rappresentanza di fronte alla società, potrà essere esercitato esclusivamente da una sola delle persone co-intestatarie delle quote assegnate.
Si ricorda, inoltre, che è consentito l’uso della delega per essere rappresentati di fronte alla società e che ogni socio può essere portatore al massimo di dieci deleghe a testa.
Premesso ciò, la relativa convocazione per tale Assemblea verrà trasmessa ai soli soci aventi diritto, secondo quanto disposto dalle norme statutarie sopra richiamate.

Scarica l’Informativa

GENTILI SOCI, SI COMUNICA CHE LA COOPERATIVA HA CAMBIATO LA PROPRIA DOMICILIAZIONE SOCIETARIA.

La nuova sede legale è situata in 
VIA PIEDILUCO N. 9
00199 ROMA

domusprocchio@legalmail.it

Febbraio 2021

Gentili Soci, il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa Domus Procchio, rende noto che nel corso dell’anno 2021, verranno effettuati gli ultimi pagamenti al Comune di Marciana, relativamente al procedimento di sanatoria ambientale (avviato ad inizio 2018) su determinate parti comuni del Residence Napoleon, per il quale il Comune ha rilasciato la necessaria certificazione già nel maggio del 2018, a seguito della stipula del relativo accordo di concordato con cui la Cooperativa si è impegnata a saldare nell’arco di un triennio (per la parte millesimale di propria spettanza) una somma superiore a 60.000 euro.
Giova ricordare che tale risolutiva operazione, che ha chiuso una questione che si trascinava da oltre 30 anni, è stata realizzata tramite l’attivazione di una serie di fideiussioni assicurative (richieste dal Comune di Marciana per il rilascio ed il pagamento dilazionato di detta sanatoria) che sono state concesse solamente grazie alle garanzie patrimoniali personali fornite dai singoli membri del Consiglio di Amministrazione della Cooperativa.
A tal riguardo si rende noto che la Coop ha resistito vittoriosamente ad un contenzioso instaurato da un condomino-socio che aveva avanzato richiesta di risarcimento danni per presunte irregolarità edilizie imputabili alla Coop. Il Tribunale di Roma ha respinto la domanda condannando il condomino-socio al pagamento delle spese legali.
Orbene, l’iniziativa/operazione che ha portato a chiudere la questione relativa a tale sanatoria ambientale – che è stata più volte plaudita dai soci durante le Assemblee della Coop – rappresenta, senza dubbio, il comune denominatore dell’azione intrapresa dal Consiglio di Amministrazione che nel corso di questo mandato triennale si è prodigato con professionalità e senso del dovere per superare e risolvere quelle discrasie emerse nelle precedenti gestioni, il tutto, nel pieno rispetto dell’unica finalità consentita sia normativamente che statutariamente ai suoi Organi societari, vale a dire “[…] con lo scopo di assicurare che la struttura immobiliare del Residence Napoleon sia amministrato e gestito nel modo migliore e continui a fornire i servizi tipici di una multiproprietà […]”.
Nel ringraziare i numerosi soci sia per il continuo sostegno che per il riconoscimento dell’azione propulsiva e innovativa che stiamo perseguendo, si coglie l’occasione per rinnovare gli auguri per un Sereno Natale a tutti i soci e loro famiglie!

Dicembre 2020

Gentili soci, il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa Domus Procchio, nel rivolgere gli auguri per un sereno e santo natale a voi tutti e rispettive famiglie, informa che, per la cessata locazione dei locali in cui e’ domiciliata la sede legale della societa’, all’inizio del nuovo anno, verra’ modificata l’ubicazione degli uffici societari.
Pertanto, il nuovo indirizzo della sede legale sara’ comunicato sul sito del Napoleon appena possibile, salvo problematiche legate alla logistica degli spostamenti e alle limitazioni disposte dai decreti emergenziali anti covid, oltre che sulla base delle tempistiche procedurali presso la camera di commercio di Roma relative alla modifica di tale domiciliazione.

Sede legale

COOPERATIVA DOMUS PROCCHIO
VIA PIEDILUCO N. 9
00199 ROMA

domusprocchio@legalmail.it